giovedì 14 marzo 2013

Tra appunti, libri e un po' di film

E' un po' che non scrivo un post per fare quattro chiacchiere e quindi rimedio ora. Il blog in queste ultime due settimane non è stato molto aggiornato perché sto passando il tempo e copiare e sistemare gli appunti presi a lezione. Solitamente arrivo sempre con l'acqua alla gola a fare questo genere di cose, ma questa volta sono (quasi) in pari.

Sul fronte letture non c'è nulla di nuovo. Mi sto dedicando solo alla lettura de "I miserabili" e ho iniziato il terzo volume dei tre in cui è diviso il cofanetto Mondadori. Non c'è che dire, il romanzo mi piace davvero tantissimo e rimango sempre stupita dalla superba capacità narrativa e stilistica degli autori dell'Ottocento. Ho visto al cinema il musical, "Les Misérables", nonostante non avessi ancora terminato la lettura. L'ho trovato un film splendido con ottime interpretazioni e bellissime canzoni. Sono sempre dell'idea del "finisco il libro, poi guardo il film", ma questa volta non potevo lasciarmelo scappare! Tra l'altro la trasposizione cinematografica è quella del musical e non del romanzo in sé, quindi i tagli erano inevitabili e non mi ha tolto nessun piacere nella lettura.

Continuando sul fronte cinematografico, in settimana ho visto "Cuore selvaggio" di David Lynch. Con il fatto che sto seguendo il corso di cinema all'università, incentrato sull'opera di questo regista, farò una full immersion guardando tutti i suoi film. Stile particolare, non c'è dubbio, ma alla fine a me i film di questo genere (quelli che si potrebbero definire un po' enigmatici) piacciono. Ho intenzione di leggere anche il libro da cui è stato tratto, "Cuore selvaggio" di Barry Gifford, che è fuori catalogo ma per fortuna c'è in biblioteca.


Ho finalmente visto anche "Hunger Games"! Il film mi è piaciuto, devo dire che durante la lettura del libro me lo immaginavo proprio così. Dal distretto 12 al treno, dall'arena alla caverna, tutto era uguale. Sono rimasta molto soddisfatta. E tra l'altro ho visto recitare la tanto acclamata Lawrence per la prima volta.

Per finire con la carrellata di film visti, martedì sono andata al cinema e ho visto "Anna Karenina". Bello, mi è piaciuto nonostante l'audace scelta di Wright di ambientare il film in un teatro di posa. La storia la conoscevo a grandi linee e, anche se sicuramente ci saranno stati dei tagli (più o meno grossi), sono riuscita a seguire il filo logico della narrazione. Non ho ancora letto il romanzo di Tolstoj, ma sarà sicuramente uno dei primi classici che inizierò terminato Hugo.


Bellissimi e variegati i costumi. Mi è piaciuta anche l'interpretazione degli attori, a parte Jude "Karenin" Law un po' sottotono. La pecca secondo me è stata usare l'inglese per le comunicazioni scritte tra i personaggi. Il regista usa il russo solo per le scritte nel teatro e per il giornale che legge l'uomo alla stazione. Poteva usare il russo anche per le lettere tra Anna e Aleksej o perlomeno il francese (lingua colta per l'alta borghesia russa) e mettere i sottotitoli. Comunque nel complesso piacevole e la scena del valzer tra Anna e il conte Vronsky surreale.

Devo ancora mostrarvi i libri che alla fine ho ricevuto per il compleanno, cosa che farò a breve, e scrivere la recensione di un libro. A presto!

6 commenti:

Gaia Florio ha detto...

I miserabili è un film meraviglioso e per chi (come me) conosce quasi a memoria il musical si è accorto dei tagli alle canzoni, in origine alcune un bel po' più lunghe (tuttavia non potevano far durare il film di più, altrimenti sarebbe stato poco apprezzato)... Il libro non l'ho ancora letto, ma è in cima alla lista dei prossimi acquisti librosi!
Hunger Games l'avevo visto quando uscì, ed effettivamente il film è fatto bene... Io però non sono rimasta così presa dalla storia, nemmeno dal libro, infatti non ho continuato la trilogia... Spero più in là di poter riprendere e vedere se gli altri libri riescono a coinvolgermi di più :)
Un bacione :**

Mr Ink ha detto...

Splendido post!! :D

Katerina ha detto...

I Miserabili mi è piaciuto da morire, anche se mi è dispiaciuto per i tagli alle canzoni (io l'avrei guardato lo stesso XD)

Anna Karenina è un film molto carino, ma purtroppo credo sia impossibile rendere il libro al 100%.
Ma ammetto che quando ho sentito dell'ambientazione a teatro, il mio unico pensiero è stato "perchè?!

Olivia ha detto...

@Gaia, io non conoscevo il musical, né le canzoni ma sono riuscita ad apprezzare lo stesso. Già è un film che dura due ore e mezza, i tagli penso che siano stati necessari.
A me la saga di Hunger Games è piaciuta, non l'ho amata alla follia, ma è stata una piacevole lettura :)

@Mik, grazie mille! :D

@Katerina, a me dispiace il fatto che la colonna sonora del film sia incompleta e ci siano solo le canzoni principali :(
Per Anna Karenina, scelta davvero audace, tant'è vero che i pareri sono stati molto contrastanti :)

Ella Drake ha detto...

Ciao, mi piace il tuo blog, lo seguirò volentieri. Io ho adorato molto I miserabili, e l'interpretazione di Hugh *_* soprattutto, anche Hunger Games mi è piaciuto sebbene non abbia letto il romanzo, mentre Anna Karenina mi riprometto sempre di vederlo (ce l'ho in lingua e preferisco così), ma colmerò la lacuna! ^_^ A rileggerti.

Olivia ha detto...

Ciao Ella, grazie! :) Anche a me è piaciuto molto Hugh Jackman, soprattutto la trasformazione che subisce nel corso della storia, in linea con quella del personaggio. Spero che Anna Karenina ti piaccia, io mi sono innamorata degli abiti! A presto :)