venerdì 14 settembre 2012

Angolo di Libreria #19


Questa è una rubrica creata da me, anch'essa è a cadenza settimanale e verrà pubblicata il venerdì. In cosa consiste? Semplice! Mi piacerebbe condividere con voi i miei libri, così ho deciso che farò ogni settimana una foto ad un angolo della mia libreria, presentandovi 8 libri che fanno parte dello stesso "angolo" (ad esempio l'angolo fantasy, giallo, giallo scandinavo, storie vere...). Penso che poi farò una brevissima scheda di ognuno, dicendovi perchè lo acquistato. Che ne dite?

L'angolo di questa settimana è...

Mini Libri


Non è sempre facile trovare un angolo ogni settimana, ma questa volta ho scelto qualcosa di originale.
I libri possono avere svariate centinaia di pagine fino arrivare ad essere classificati "mattoni", più o meno quando la mole arriva all'incirca attorno alle ottocento pagine (secondo una mia personalissima classificazione). Ma spesso quantità non vuol dire qualità. Esistono molti bei libri che riescono a far scaturire nel lettore molte emozioni in poche pagine. Ecco, quindi, com'è nato l'angolo di questa settimana! I libri che vi presento oggi sono compresi tra le 62 e le 139 pagine.
Ecco i titoli:
  • L'amore dura tre anni, Frédéric Beigbeder
  • Novecento, Alessandro Baricco
  • Seta, Alessandro Baricco
  • Sunset Limited, Cormac McCarthy
  • Uomini e Topi, John Steinbeck
  • Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra, Roald Dahl

L'amore dura tre anni, Frédéric Beigbeder
Nella sua brevità, l'autore distrugge l'idea dell'amore del più romantico dei lettori, raccontandolo in modo cinico e sarcastico. Intervalla, come suo solito, riflessioni personali alla narrazione attraverso il suo alter ego. C'è quasi sempre un bell'aforisma in ogni pagina.
Pagine: 139, è il libro più lungo dell'angolo

Novecento, Alessandro Baricco
Penso che sia uno dei libri più famosi di quest'autore (che secondo me è un tantino sopravvalutato) e mi è piaciuto molto. Pur essendo un breve monologo, nato per una rappresentazione teatrale, la storia è interessante e originale e non è possibile non innamorarsi di Novecento, un personaggio del tutto fuori dagli schemi.
Dal breve monologo: "La leggenda del pianista sull'oceano" di Tornatore e un'adattamento fumettoso pubblicato sul numero 2737 di Topolino (2008), con i disegni di Giorgio Cavazzano e la sceneggiatura di Tito Faraci intitolato "La vera storia di Novecento".
Pagine: 62, libro più corto dell'angolo

Seta, Alessandro Baricco
Storia semplice: il protagonista commercia bachi da seta e fa avanti e dietro, dalla Francia alla Cina. Baricco usa uno stile particolare fatto di descrizioni ripetute, dove le azioni vengono descritte superficialmente. L'ho letto parecchi anni fa e non mi ricordo moltissimo. E' particolare, ma secondo me non lascia più di tanto.
Dal libro: "Seta" di François Girard con Keira Knightley.
Pagine: 108


Sunset Limited, Cormac McCarthy
Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un testo teatrale, che è stato messo in scena a Chicago. Il testo ha due soli personaggi, Bianco e Nero, identificati solo dal colore della loro pelle. I due dibattono su significati importanti che toccano ogni vita umana, dalla sofferenza all'esistenza di Dio, al suicidio. Anche in un'opera teatrale McCarthy non delude, anzi per una volta mette (perché è obbligato) i segni grafici nei dialoghi!
Dal romanzo: "Sunset Limited" di Tommy Lee Jones, un film televisivo basato su una sceneggiatura scritta dallo stesso McCarthy.
Pagine: 115

Uomini e Topi, John Steinbeck
Emozionante. Intenso. Ricco.
Con una splendida traduzione di Cesare Pavese, "Uomini e Topi" è uno dei romanzi più belli che abbia mai letto. L'intensità e l'umanità dei personaggi che ho trovato durante la narrazione sono qualcosa che non si incontra in ogni libro. Lennie e George rimangono impressi nella mente del lettore, lasciano un segno indelebile.
Alla fine ho pianto. Io sono un po' un caso a parte perché sono una frignona, ma di solito per quanto riguarda i film, con i libri capita molto di rado. Questo vi dà l'idea di quanto mi abbia colpito questo libro.
Dal romanzo: "Uomini e Topi" di Lewis Milestone (1939) e "Uomini e Topi" di Gary Sinise (1992) con John Malkovich e Gary Sinise.
Pagine: 117, il libro più bello dell'angolo

Il libraio che imbrogliò l'Inghilterra, Roald Dahl
I due racconti che compongono questo libro mi hanno particolarmente colpito. Sono i primi racconti per adulti che leggo di Dahl (autore da me amatissimo) e superano ogni aspettativa. E' davvero un piccolo gioiellino che consiglio di leggere, per passare un'ora con una lettura originale, breve e soddisfacente.
Pagine: 78


Conoscete o avete letto alcuni di questi libri? Avete qualche altro Mini Libro che vi ha colpito particolarmente? :)
Stay Tuned! :)

3 commenti:

Rowan ha detto...

Parlando di Mini Libri non posso non citare Mi chiamo Scrivo-Benvenuti nella mia testa ♥ una meraviglia!

Olivia ha detto...

Ho già sentito questo titolo, ma il libro non lo conosco :)

Elisa ha detto...

Ho letto quello di Roald Dahl (amo questo autore!) e "Novecento" di Baricco.

Aggiungerei "La sovrana lettrice"... un piccolo gioiellino in 95 pagine!